Il controllo di qualità dei dati

I dati riportati sui questionari dai rispondenti sono stati sottoposti ad un severo controllo di qualità che ha riguardato, per ogni unità economica (impresa o istituzione), i caratteri di forma giuridica e attività economica (874 categorie), il numero degli addetti (dipendenti e indipendenti) e del personale esterno, il carattere di impresa artigiana, i codici di localizzazione (provincia, comune e sezione di censimento) e – per le unità plurilocalizzate – la coerenza tra le informazioni rilasciate dalle unità locali periferiche e quelle rilasciate dalla sede centrale, in particolare per quanto riguarda gli addetti. Anche per questi controlli, ci si è avvalsi, oltre che degli archivi statistici realizzati dall’Istat, del supporto delle fonti amministrative (Anagrafe tributaria, Registro delle imprese delle CCIAA, archivi INPS, utenze telefoniche, Ragioneria Generale dello Stato).